Pasqua "Settimana Santa" a Barcellona Pozzo di Gotto (Me). I Riti e "La Processione delle Varette" il venerdì Santo 18 Aprile 2014

La "Settimana  Santa" a Barcellona Pozzo di Gotto (Me). I Riti e "La Processione delle Varette" il venerdì Santo. Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina, sorge nella costa settentrionale tirrenica della Sicilia. Il 1° giugno 1836 il re Ferdinando II° di Borbone, decise che il nuovo comune formato dalla fusione  di due comuni avrebbe portato l'attuale nome. Quindi Barcellona e Pozzo di Gotto possiedono due Arcipreture  e vantano in occasione del Venerdì Santo, due distinte processioni, composte da ventisei “Varette“ riproducenti i Misteri della Via Crucis.

La processione di Pozzo di Gotto, che parte dalla chiesa di Gesù e Maria, dotata di “varette" più antiche che risalgono al 1800, ad eccezione dell’ Ecce Homo, databile intorno al 1700 e l'altro al filone di Barcellona, la cui processione ha inizio dalla chiesa di San Giovanni, caratterizzato da creazioni più moderne, risalenti ai primi anni del ‘900. Considerevole la "varetta" del "Signore Morto", preceduta da un gruppo di soldati, i cosiddetti Giudei, con elmo e lancia, e coi costumi scarlatti. Essi si snodano in una ricchezza di fiori e di luminarie, seguite da gruppi di uomini che cantano la "Vexilla", un antico motivo polivocale. In ciascuna delle “varette“, oltre ad essere rappresentato il singolo evento, viene simboleggiato il luogo e lo scenario dell’episodio avvenuto ed il pellegrinaggio al seguito, ha un momento solenne quando le due processioni si incontrano sulle vie del ponte sul fiume Longano che separa Barcellona da Pozzo di Gotto

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

Un’Eden di tranquillità  situato sul lungomare a poca distanza dall'uscita Barcellona dell' autostrada Messina - Palermo circondato da decine di ettari di Giardini di limoni. Il Villaggio è collocato nel cuore delle principali mete turistiche siciliane: Taormina, Cefalù. Isole Eolie, Santuario Madonna Nera di Tindari. Al centro di un incantevole golfo, di fronte l’arcipelago delle Eolie che da Alicudi a Stromboli si ergono all'orizzonte come scogli dentro l'immenso mare.

Chilometri di  spiagge, che dal promontorio di Capo Milazzo arrivano fino alla baia di Tindari. Dal solstizio tutta l'estate è colorata da tramonti spettacolari in cui il sole si posa sulla superficie sempre cangiante del mare Tirreno.